Arte: continua il restauro del crocifisso di Simone Martini

 

 

Continua grazie all’intervento della dottoressa Zaccheddu, funzionario della Soprintendenza per i Beni Artistici delle province di Firenze, Pistoia e Prato, che ha collaborato con il dottor Ciatti dell’Opificio delle Pietre Dure; con loro interessamento abbiamo potuto assistere alla recente (in data 28 Gennaio) e deliziosa conferenza tenuta da Nicoletta Matteuzzi, responsabile del Sistema Museale del Chianti e del Valdarno e a Alessandra Ramat, restauratrice dell’Opificio. Con interventi del professor Roberto Cacciatori e dell’assessore Chiara Molducci.

Risultati immagini per restauro crocifisso simone martini

Slide molto chiare mostravano riflettografie IR, radiografie a raggi X e stratigrafie, utili per la diagnostica dei particolari: se la vicenda della pulitura era conosciuta, sulle decorazioni del perizoma (che non sarebbero state eseguite con un pigmento nero*) avevamo una falsa verità. Da non sottovalutare inoltre i problemi riguardo la commissione, malgrado sia con tutta probabilità attribuibile ai padri domenicani di Santa Maria Novella. Interessanti i riferimenti più generali alla storia del nostro paese.

La visita.

Infine i presenti si sono recati alla chiesa di Santa Maria sul Prato, dove l’architetto Marco Pagliai ha illustrato le opere conservate, spiegando i vari lavori eseguiti negli anni, facendo omaggio ai visitatori del volume: “La Misericordia di San Casciano in Val di Pesa tra cronaca e storia”.  Nella visita preziose le precisazioni del provveditore alla chiesa Paolo Bacci.

* Ma con un pigmento blu e uno rosso.

Risultati immagini per crocifisso di simone martini

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *